GUIDA ESCURSIONISTICA DEL MONTE CATRIA

PresentazioneGuida.jpg

La mattinata di uno splendido 14 gennaio 2012, freddo e soleggiato, al Monastero di Fonte Avellana il Centro Escursioni Monte Catria ha presentato, dopo un anno di lavoro, la prima guida escursionistica sul Monte Catria, un vanto per l'associazione in quanto si tratta di uno strumento che mancava e che avvicina le persone alla montagna con consapevolezza : contiene la descrizione di dodici trekking dislocati su tutto il massiccio montuoso, dallo Strega all'Acuto, con diverse difficoltà e da poter praticare tutto l'anno ed è corredata con schede tecniche, descrizioni, foto dei percorsi e disegni grafici. La guida, come ha sottolineato l'autore Emiliano Catena, Ŕ “zainabile” ed ha l'intento di essere di facile lettura, può essere utilizzata da sola o in modo complementare alla classica mappa poichè contiene i riferimenti ai numeri dei sentieri CAI indicati nella carta dei sentieri del Catria. È distribuita nelle edicole e librerie dalla casa editrice Metauro Edizioni di Pesaro sito:: www.metauroedizioni.it

PresentazioneGuida2.jpg

L'evento ha avuto un bel successo soprattutto nell'ambiente degli escursionisti e amanti della montagna e questo è ciò che più conta perchè ciò che si fa per valorizzare la montagna deve prima di tutto soddisfare chi la ama e la frequenta. Gli enti pubblici che hanno creduto nel progetto sono il Comune di Serra Sant'Abbondio, la Comunità Montana del Catria e Nerone e la Presidenza del Consiglio Regionale; grazie a queste istituzioni si è potuto stampare un elevato numero di copie, molto superiore a quelle che si potevano stampare con le sole risorse dell'associazione, riuscendo così a soddisfare le esigenze di tanti appassionati ed arrivare a far conoscere le potenzialità di questa montagna oltre i soliti confini locali.

Un sincero e sentito ringraziamento va rivolto a questi Enti ed ai monaci di Fonte Avellana per la loro solita grande ospitalità, alle persone intervenute alla presentazione e a chi ci ha sostenuto nel portare avanti questo lavoro. Il ringraziamento più importante però va alla nostra meravigliosa montagna che continua a regalarci sensazioni uniche.